Ti trovi in: Homepage / “Woman Don’t Cry”

Comdata è contro la violenza in ogni situazione e verso ogni essere vivente. Intercettiamo e impariamo a riconoscere le situazioni a rischio

In questi anni siamo stati tutti toccati nel profondo dai ripetuti e sempre più frequenti episodi di estrema violenza nel nostro paese e nel mondo; ora, dopo l’ennesimo e raccapricciante episodio, abbiamo deciso di fare qualcosa e di entrare in contatto con un servizio di supporto e di indirizzo gestito e coordinato da professionisti esterni.

Il progetto si basa su tre pilastri fondamentali:

  1. Sensibilizzazione: serie di brevi pillole predisposte da psicologi dell’associazione ERA sul tema della violenza verso i più deboli con focus sulle donne. Con queste pillole si vuole diffondere conoscenza e semplici strumenti per riconoscere e prevenire la violenza di genere.
  2. Supporto e assistenza: saranno a disposizione professionisti (psicologi, psicoterapeuti specializzati) di supporto per tutti coloro che sono direttamente coinvolti o che conoscono situazioni a rischio violenza. I professionisti saranno un punto di riferimento per offrire ascolto, supporto e indicazioni su come agire, a chi rivolgersi e cosa consigliare in caso di bisogno.
  3. Collaborazione esterna: la lotta contro la violenza sulle donne richieda una collaborazione più ampia. Vogliamo coinvolgere organizzazioni locali specializzate, per fornire supporto e accesso a programmi di assistenza alle vittime.

Saranno disponibili su questa Landing Page una serie di "pillole" ossia interventi, messaggi e scritti aventi l'obiettivo di aiutare tutti noi a comprendere come capire di essere in presenza di una situazione a rischio, sia direttamente per noi, sia quando sta accadendo intorno a noi.

Dopo alcune pubblicazioni, delle quali saremo tutti informati via mail, avremo l'opportunità di richiedere supporto a un pool di professionisti in grado di aiutarci a comprendere come agire.

Comdata rende disponibile tutto questo, ma sarete voi a rendere utile l'attività partecipando, diffondendo gli interventi e indirizzando chi si trova in situazioni a rischio.

Login

Login